Il turismo a Pistoia cresce dell’ 11,02% nel 2106 rispetto al 2015

Pistoia Arte
Scoprire Pistoia è un’esperienza preziosa. Arte e storia incorniciano la “città dell’arte incantata”
marzo 14, 2017
Restyling 2
Il Caffè Valiani si rifà il look e un evento da urlo. Tutti invitati il 12 Maggio
maggio 10, 2017
Mostra tutto
Pistoia Turismo

Dopo Mantova, che ha registrato migliaia di accessi in più nei poli culturali del territorio, quest’anno tocca a Pistoia, testimone  di ricadute positive già dalla designazione il 25 gennaio dello scorso anno. Nel 2016 il turismo è cresciuto dell’11,02% rispetto al 2015, come riportano i dati sui flussi turistici in città e provincia raccolti dall’Amministrazione comunale di Pistoia e dall’Università di Firenze. Nella città di Pistoia, gli italiani hanno superato gli stranieri negli arrivi, mentre per i pernottamenti – aumentati del 17,74% rispetto al 2015 – il rapporto è inverso. I turisti nazionali provengono perlopiù da Lombardia, Lazio, Emilia Romagna, Campania e Toscana, mentre tra gli europei Pistoia è stata la meta preferita da tedeschi, spagnoli, francesi e olandesi. Ecco dunque l’identikit del turista  tipo che sceglie  di  visitare  la  Capitale  della Cultura: è italiano, si sposta in macchina  ed  è interessato a conoscere le bellezze storiche, artistiche e architettoniche del territorio, con tutta la famiglia. Tante anche le scuole che scelgono la città per le gite.   Sono invece soprattutto gli stranieri ad andare alla scoperta del territorio provinciale (91% del totale),   che  esplorano   prevalentemente   in   autobus,   dove  la   Valdinievole detiene il primato nel settore della ricezione (83,6%). Degna di nota la performance del museo  del  Novecento  e  del  Contemporaneo  a  Palazzo  Fabroni  dove  dall’1 gennaio al 28 febbraio, rispetto agli stessi mesi del 2016, c’è stato un aumento di presenze del 180,66%: lo hanno visitato 1350 persone, in confronto alle 481 del 2016. Triplicati gli ingressi anche all’Antico Palazzo dei Vescovi che a febbraio ha chiuso con un vertiginoso +297%. Lo splendore del preziosissimo “Arazzo Millefiori”, lì custodito, è stato contemplato da ben 1907 visitatori dall’inizio del 2017. Che l’effetto nomina sia contagioso lo dimostra anche il bilancio di presenze –  già  numerosissime  –  della Biblioteca San Giorgio (+10%), un luogo interattivo, di crescita e incontro, punto di riferimento della città regina della cultura nel 2017.

Caffè Valiani Press Office

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *